STEM and the city

On 24 April, we organised a “field trip” in the city centre of Caserta in order to find traces of the different steps of taken in the city planning throughout its history. For this activity, students were involved who participated in PON inclusione sociale for the learning module “Topos e cronos: Terra di lavoro – dalla centuriazione romana ai giorni nostri”, by IC Vanvitelli. This project aimed at helping students with difficulties in mathematics, science and technology to improve their skills, interest and motivation in relation to those topics. We have been working since March on a learning activity about how to design and read topographic and geographical maps, in particular the use of web tools of software (like google maps, GIS), useful for designing personalised maps. We decided to create a map that summarised what we see nowadays in Caserta’s city planning, which is inherited from past populations that lived in our area. Moreover, they learn what kinds of STEM professionals work on those topics and the perspectives of STEM professionals who work in this field.

During the field trip, we walked along the Caserta city centre. We used apps that allowed us to view maps and track paths, in order to tag on a map some artifacts, buildings and/or streets that preserve ancient city planning. The students used their mobile phones or tablets to take photos of those places and upload on a map, in order to take note about the activity and make a resume of the field trip.

It was a nice experience, because most of the students admitted that they had already seen the places we visited, but they did not pay attention to those, but learning about the history of those place helped them to keep in mind important steps for their city.


Il 24 aprile si è svolta l’uscita didattica che ha coinvolto gli studenti del corso “Topos e cronos: Terra di lavoro – dalla centuriazione romana ai giorni nostri”, un progetto finanziato del PON inclusione sociale  tenuto presso L’IC Vanvitelli di Caserta. Il corso è finalizzato ad aiutare gli studenti con difficoltà in matematica, scienze e tecnologia e migliorare le loro competenze, interesse e motivazione in questi ambiti. Questa attività mi ha permesso di introdurre ai ragazzi quali sono le figure STEM coinvolte nello studio urbanistico di una città, e quali possono essere i possibili sbocchi professionali di questo tipo di studi. Prima di questa uscita didattica i ragazzi hanno lavorato sulla progettazione e lettura delle carte topografiche e geografiche e sull’uso di strumenti web e software che permettono di realizzare mappe personalizzate.

L’uscita si è svolta nel centro della città di Caserta, lo scopo era individuare le tracce corrispondenti all’Urbanizzazione relativa alle diverse fasi storiche della nostra città. Durante l’uscita gli studenti hanno utilizzato app che permettono di visualizzare mappe e tracciare percorsi, grazie a queste abbiamo realizzato una mappa dove sono riportati i siti della nostra città che abbiamo visitato ed il loro ruolo ed utilizzo in diverse epoche storiche.

E ‘stata una bella esperienza, i ragazzi hanno osservato la loro città sotto una luce diversa, prestando attenzione ad edifici, opere d’arte e luoghi che vedono ogni giorno, ma senza prestare attenzione ai dettagli che raccontano la loro storia e ci permettono di ricostruire la loro storia.

Published by

Teresita Gravina

Teresita Gravina is a Scientix Ambassador for Italy, she teach Math & Science and special needs in IC Vanvitelli in Caserta and she is adjunct professor of Environmental Geology at Guglielmo Marconi University. She is also involved in two associations promoting the role of science and scientists in school and society (AIRIcerca and ANISN).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *